ELISA-29.jpg

Duo

Maggiolini

Netzer

flute/harp

Tommaso Maria Maggiolini_flauto

nato a Milano nel 1991 si diploma a 18 anni il Conservatorio G. Verdi di Milano. Studia in seguito con Alfred Rutz, Verena Bossahart e Felix Renggli presso il Conservatorio della Svizzera Italiana e la Hochschule der Künste di Berna conseguendo con lode il Master in Music Pedagogy e in Music Performance. Assistente di Rocco Abate ha partecipato ai corsi di perfezionamento di Jànos Balint, Philippe Racine, James Galway, Peter-Lukas Graf, Emmanuel Pahud. Ha al suo attivo una intensa attività cameristica che lo ha portato a esibirsi in diverse formazioni in Italia, Svizzera, Francia, Germania e USA. Primo flauto dell'Orchestra da Camera Canova dal 2018. 

​È direttore artistico della Fondazione Leoncavallo e della rassegna Concertistica Verbano Musica Estate. Suona un flauto Nahgahara 14k e un Sankyo in grenadillo.

Elisa_Netzer_©MolinaVisuals_2.jpg

Elisa Netzer_arpa

Elisa Netzer è una giovane ed emergente arpista Svizzera. Nella scorsa stagione è stata la prima arpista a debuttare in qualità di solista al prestigioso Lucerne Festival e ha rappresentato la Svizzera al World Harp Congress di Hong Kong. Ha tenuto recitals in tutta Europa, Russia, Cina e e si è esibita in qualità di solista con varie compagini tra le quali l’Orchestra della Svizzera Italiana, l’Orchestra città di Vigevano e l’Orchestra sinfonica Arturo Toscanini. Elisa Netzer ha ottenuto una Bachelor con lode al conservatorio di Parma, un Master con distinction alla prestigiosa Royal Academy of Music di Londra ed è vincitrice di numerosi concorsi nazionali e internazionali, tra i quali il Guy McGrath harp prize (UK) e il concorso italiano dell’arpa. Dal 2016 collabora con l’Orchestra della Svizzera Italiana, la Tonhalle Orchester Zürich ed è conduttrice della trasmissione Paganini, programma di musica classica in onda sulla Televisione Svizzera di Lingua Italiana (RSI).

About us

Tommaso Maggiolini

flute

Elisa Netzer

harp

Follow us

©2020 by T.Maggiolini ©photos by T. Nastasi and AK-Photography